Cercare le risorse educative aperte (Open Educational Resources)

Leggi

La maggior parte dei contenuti condivisi su Internet è protetta da copyright, spesso anche laddove non compaiono riferimenti espliciti come la dicitura “tutti i diritti riservati” o il simbolo ©. I contenuti protetti da copyright non possono essere in nessun modo copiati o riutilizzati. In molti paesi sono previste delle eccezioni per l’uso di risorse coperte da copyright ai fini dell’insegnamento (spesso definite con la locuzione ‘fair use’), tuttavia queste eccezioni risultano largamente limitate, applicabili solo a contesti specifici (ad esempio all’interno delle classi e negli ambienti di apprendimento virtuale), e variano enormemente da una giurisdizione all’altra. Per essere dunque sicuri di poter usare e modificare contenuti online è bene affidarsi alla ricerca di quelle che vengono definite “risorse educative aperte” (Open Educational Resources – OER), ovvero “quei contenuti per l’insegnamento, la formazione e la ricerca disponibili in qualsiasi medium, digitale o di altro tipo, che appartengono al pubblico dominio o che sono state rilasciate con una licenza aperta che prevede l’accesso senza costi, l’uso, la rielaborazione e la distribuzione da parte di altri, con alcuni limiti ben definiti o senza limitazione di alcun tipo.” (2012 OER Paris Declaration). Per approfondire i principi sottesi a questo concetto leggi Open Content definition di David Wiley.

Esistono molti progetti che spiegano come gestire al meglio le risorse educative aperte, ad esempio OER Commons, Connexions, Khan Academy e Saylor.org. Queste piattaforme consentono di cercare, valutare e selezionare le risorse, esplorando alcune raccolte aperte di corsi universitari, singole lezioni, simulazioni interattive, libri di testo e via dicendo.

Se desideri estendere la tua ricerca, puoi anche ricorrere alle funzionalità di ricerca avanzata di Google. La ricerca di Google offre diversi operatori (evidenziati nella tabella) che consentono di definire in modo accurato i termini di ricerca. Per ulteriori informazioni sugli operatori di ricerca avanzati leggi qui.

RICERCA VELOCE (Google):RESTITUISCE LE PAGINE CHE MOSTRANO:
materiale educativoi termini esatti “educativo” e “materiale”
educativo OR materialeo il termine “educativo” o il termine “materiale”
“materiale educativo”la locuzione esatta “materiale educativo”
educativo -videoil termine “educativo” ma non il termine “video”
site: khanacademy.org/ educationil termine”educativo” all’interno di tutte le pagine del sito di Khan Academy
filetype: educazione (pdf)il termine “educazione” all’interno di tutti i file pdf presenti in rete
allintitle: educazioneil termine “educazione” nel titolo di tutte le pagine trovate

Guarda

Le licenze pubbliche di copyright, note anche come licenze aperte, sono state fondamentali per il consolidamento e la diffusione delle risorse educative aperte. Fra queste, le licenze Creative Commons rappresentano sicuramente la scelta più popolare fra le istituzioni e gli educatori che rilasciano OER. I tre video che seguono spiegano le basi delle licenze Creative Commons:

“A Shared Culture” di Jesse Dylan. (durata: 3.20 min.)

“Learning about OER” di EmergingEdTech. (durata: 5.04 min.)

“Finding OER Using Google” di USU Libraries. (durata: 1.53 min.)

Esercitati

(tempo stimato per completare l’esercizio: 1h)

Vai al seguente indirizzo https://search.creativecommons.org/ e seleziona alcuni contenuti (testi, immagini, video o musica) da usare nelle tue lezioni. Per trovare materiali che possano essere utili ai tuoi studenti puoi anche utilizzare l’OER search engine, sviluppato dall’Open Education Consortium, o l’OER Commons.

Pubblica sul tuo blog personale o sull’EduHack Wall la/e risorsa/e che hai selezionato, spiegando come intendi integrarla/e nel tuo percorso d’insegnamento. Rispondi quindi alle seguenti domande:

  • Dove hai trovato la/e risorsa/e?
  • Quale parola chiave hai scelto? Come l’hai scelta?
  • In base alle licenze con cui sono state rilasciate, cosa potresti fare con la/e risorse selezionate?
  • Quali criteri qualitativi hai utilizzato al fine di determinare la pertinenza della/e risorse selezionate?

Approfondisci

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese Spagnolo